Negli ultimi anni il mercato del bedding è stato caratterizzato da una sempre maggiore attenzione al “comfort di riposo”, tendenza che ha portato ad una crescita esponenziale nell’utilizzo di reti elettriche, reti dotate di un sistema di movimentazione a motore, in grado di inclinare, alzare o abbassare la parte alta (testa) e la parte bassa del materasso (gambe e piedi).
Proprio la capacità di movimento di questo tipo di rete, chiamata rete elettrica o anche “rete motorizzata” implica però una maggiore attenzione nella scelta del materasso: non tutti i materassi sono infatti adeguati ad essere posizionati su di una rete elettrica, poiché i movimenti alzatesta e alzapiedi richiedono una flessibilità che non tutti i modelli sanno esprimere!
Quali sono quindi le tipologie più adatte di materasso per rete elettrica?

COSA NON UTILIZZARE
L’unico modello di materasso il cui utilizzo è caldamente sconsigliato sulle reti movimentate, siano esse manuali o a motore, è il materasso a molle, a meno di non scendere ad enormi compromessi nelle performance offerte al tuo riposo!
l vincolo assoluto del parallelismo delle molle all’interno della struttura, infatti, viene meno nel momento stesso in cui una parte della rete è inclinata, portando le molle a toccarsi ed impedendo ad esse di lavorare in modo perfettamente perpendicolare al corpo e al piano di appoggio, condizione indispensabile perché un sistema a molle esprima al meglio le proprie performance.

COSA UTILIZZARE
Sino a qualche anno fa il materasso in lattice è stato considerato il modello di materasso per rete elettrica più adeguato, ma si tratta di una tipologia di materasso che da tempo, ormai, è stata superata da altri prodotti, sia per prestazioni “assolute”, cioè come comfort totale, sia nell’uso specifico per questa tipologia di reti.
Sono i materassi in espansi tecnici – con o senza memory – quelli che ad oggi vengono utilizzati come i migliori prodotti in assoluto per reti a movimento elettrico o manuale, poiché ben si adattano a questo tipo di piano d’appoggio grazie alle caratteristiche stesse dei materiali con cui sono realizzati, materiali in grado di “seguire” i diversi snodi della rete (alzatesta, alzapiedi e alzaguanciale), esattamente come seguono le forme del corpo.
Esistono però aspetti tecnici molto importanti da considerare al momento della scelta, vediamone alcuni.

UTILIZZO PER PERSONE CON NORMALE CAPACITÀ MOTORIA
Se il sistema letto a movimento viene scelto per questioni di comfort, e quindi utilizzato da persone senza limitazioni di movimento, generalmente nella scelta del modello di materasso per rete elettrica vanno tenuti in considerazione i normali fattori di scelta in relazione alla corporatura, alle abitudini ed alle preferenze di riposo, a cui si aggiunge un unico importante fattore.
L’uso del sistema di alzata, sia della testa che dei piedi, comporta un maggior carico della zona del centrale del materasso. Quando dormiamo perfettamente distesi, infatti, il nostro peso viene ripartito per tutta l’area di appoggio al materasso, concentrandosi in alcune zone a causa dei differenti pesi del nostro corpo – ad esempio la zona del bacino è più pensante della zona spalle – e di norma i migliori materassi sono strutturati per supportare, e sopportare, questi differenti carichi. Ma quando alziamo ad esempio la “zona testa”, il nostro peso viene a concentrarsi nella parte centrale del materasso in modo meno equilibrato richiedendo al materasso uno sforzo maggiore, che va considerato in sede di progettazione, poiché il maggior carico rischia di creare maggior pressione sul corpo e quindi offrire un comfort inferiore.
Questo problema di norma viene compensato dai produttori di materassi sovradimensionando la capacità di comfort del materasso stesso, in modo che il maggior lavoro a cui quest’ultimo viene sottoposto possa essere abbondantemente assorbito dallo stesso.
⇒ In questo senso tutti i modelli di materasso Bultex dotati di Memory Bx (SunnySurfSlam Elementssono studiati per compensare il maggior carico e per ben adattarsi a supporti alzatesta e alazapiedi sia manuali che motorizzati.

UTILIZZO PER PERSONE CON RIDOTTA CAPACITÀ MOTORIA
Un discorso differente va fatto invece se sistema letto a movimento dovrà essere utilizzato da persone con ridotte capacità motorie, poiché, in questo caso, la maggior accoglienza del materasso – necessaria a compensare il maggior carico – potrebbe rendere ancora più complessi i movimenti già difficili per la condizione fisica particolare.
In questo caso è necessario utilizzare un modello di materasso per rete elettrica con un perfetto equilibrio tra elasticità ed ergonomia.
⇒ I prodotti “FullBultex” della gamma materassi Bultex, come ad esempio il modello YoYogarantiscono ad esempio una flessibilità ed una elasticità superficiale davvero ottimali, a tutto vantaggio di una grande facilità di movimento che non rinuncia ad un comfort elevato.
⇒ Modelli della gamma materassi Bultex come AstroArtic o Inside uniscono a queste doti la presenza di inserti in Memory Red posti all’interno della struttura, per alleggerire e ridistribuire il peso corporeo senza incidere sull’elasticità superficiale del materasso, consentendo la massima facilità di movimento anche a chi ha problemi in questo senso.

(articolo tratto dal blog Bultex – http://www.bultex.it/blog/materasso-rete-elettrica-quale-scegliere)

Share This